Ciclo NEP

La NEP® è un trattamento dietetico fortemente ipocalorico, ipolipidico ed ipoglucidico, che prevede esclusivamente la somministrazione di proteine ed aminoacidi, in quantità leggermente inferiore rispetto alla Dieta Oloproteica® per la somministrazione continuativa degli aminoacidi e delle proteine somministrate, che risultano facilmente assimilabili (1,2 g/ kg di peso corporeo ideale/ die).

Rispetto ad una dieta proteica orale presenta:

  • Massima precisione nella somministrazione del protocollo;
  • Passività del paziente durante il trattamento con maggiore compliance;
  • Risultato motivante del paziente per una maggiore riduzione corporea in un tempo limitato, rispetto ai regimi dietetici orali;
  • Somministrazione 24/24 ore di una miscela di 2000 ml di proteine ed aminoacidi, con effetti positivi sulla funzionalità metabolica in relazione alla costante integrità del pool di aminoacidi;
  • Una chetosi più spinta in relazione alla assenza completa di carboidrati;

Il protocollo prevede un ciclo di 21 giorni di trattamento, suddiviso in un primo periodo di 14 giorni di NEP® con il paziente nutrito esclusivamente tramite sondino naso-gastrico ed un secondo periodo di 7 giorni di Dieta Semiproteica orale personalizzabile in funzione alle esigenze cliniche del paziente.

Da queste considerazioni è stata da noi elaborata la terapia normoproteica enterale ed orale (NEP®) che si caratterizza per i seguenti aspetti: 1) viene proposta come terapia occasionale della durata di 21 giorni seguita da una dieta ipocalorica che si ispira al modello della dieta mediterranea; 2) vengono combinate nella terapia proteica orale le quote proteiche derivanti da integratori alimentari con quote proteiche derivanti da alimenti; 3) viene particolarmente sottolineata la qualità delle proteine degli integratori con la somministrazione esclusiva di sieroproteine, anche in considerazione del loro significativo ruolo nell’aumentare il tasso degli ormoni della sazietà; 4) vengono somministrati in determinate quantità particolari aminoacidi quali l’arginina e l’ornitina stimolanti la sintesi endogena del GH, in considerazione dei suoi effetti lipolitici e di tutela della massa magra; 5) La quota giornaliera di glucidi somministrata durante la NEP® è praticamente pari a zero grammi, mentre durante la dieta semiproteica orale successiva sono previsti circa 60 g di glucidi; la quota di lipidi è pari a circa 5-10g durante la NEP® e 10-20g durante la dieta proteica orale; 6) vengono somministrate in quantità precise le quote di minerali ed in particolare di potassio, magnesio e calcio tenendo conto delle loro maggiori perdite durante le terapie chetogenetiche; 7) è previsto nel protocollo terapeutico l’utilizzo di determinate quantità di sostanze alcalinizzanti onde evitare l’utilizzo improprio delle riserve alcaline con conseguenze negative in particolare a carico delle ossa; 8) viene data particolare importanza alla pulizia intestinale da effettuare prima della terapia chetogenetica ed all’utilizzo nel protocollo terapeutico di prebiotici e probiotici.

Il protocollo della NEP® e della dieta proteica orale prevede una composizione sostanzialmente normoproteica della dieta ( 1.2-1,4 g/ Kg di peso corporeo ideale). L’apporto quasi esclusivo di proteine, che rappresenta un apporto calorico molto basso, obbliga l’organismo ad utilizzare le proprie riserve energetiche. Con la soppressione quasi totale dei glucidi, si ottiene un rapido calo dell’insulina che impedisce la messa in riserva di grassi e produce un catabolismo degli stessi per lipolisi. L’idrolisi dei trigliceridi, contenuti negli adipociti, li trasforma in glicerolo ed in acidi grassi liberi che favoriscono la produzione dei corpi chetonici e dunque la chetosi. La corretta funzionalità pancreatica, peculiarità del paziente non diabetico, permetterà la successiva riconversione, in presenza di minime concentrazioni di glucosio e di insulina, dei corpi chetonici in Acetil-CoA e la loro successiva metabolizzazione, evitando in tal modo un loro accumulo che determinerebbe una chetoacidosi, tipica di un diabetico di tipo 1 scompensato.

La formazione dei corpi chetonici rivestono numerosi vantaggi:

  • forniscono l’energia che richiede l’organismo nel corso del trattamento
  • facilitano l’utilizzo degli acidi grassi liberi da parte dei muscoli striati
  • circolano liberamente nell’organismo senza bisogno di proteine vettrici e penetrano nelle membrane cellulari del cervello, che trasforma la sua fonte energetica utilizzando per l’80% del suo metabolismo i corpi chetonici.

Il trattamento della NEP® di complessivi 21 giorni risulta efficace nel migliorare i dati antropometrici del paziente. Inoltre si evidenzia un miglioramento statisticamente significativo di vari parametri relativi al metaboliso glucidico e lipidico. In particolare è da notare la riduzione della insulinemia e dell’indice Homa ed un netto aumento del GH.

Per quanto riguarda il metabolismo lipidico si osserva una riduzione dei trigliceridi, del colesterolo totale, del colesterolo-LDL ed anche del colesterolo HDL.

Nonostante la letteratura scientifica sulle VLCD indichi quasi sempre un aumento del colesterolo HDL, dopo il trattamento con la nostra terapia dietetica si è evidenziato una costante diminuzione del colesterolo HDL.

Per tale motivo, al fine di minimizzare la riduzione di colesterolo HDL, nel protocollo è stato inserita una quota di policosanoli. Riteniamo comunque, in accordo con quanto evidenziato in alcuni recenti lavori scientifici, che sia importante, considerare oltre al valore assoluto di HDL, anche il rapporto tra trigliceridi e colesterolo HDL. Tale rapporto rappresenta un aumento del rischio cardiovascolare quando tende ad un valore di 4 o 5 mentre è favorevole quando si avvicina ad un valore di 2; con il nostro protocollo abbiamo osservato una riduzione di circa 1/3 del valore iniziale di tale rapporto.

Continua a leggere
webmasterCiclo NEP

Dieta Semiproteica

La dieta semiproteica è una dieta di tipo orale che dura circa  7 giorni e viene attuata dopo i 14 giorni di terapia nutrizionale proteica tramite sondino nasogastrico.

Le quote proteiche sono pari a circa 1,2 g / Kg peso corporeo ideale e derivano da alimenti ed integratori di sieroproteine ed amminoacidi; la quota dei glucidi è di circa 60 g e deriva da yogurt e frutta. La quota lipidica è infine pari a circa 20 g e deriva essenzialmente da olio extravergine di oliva. Essa è importante in quanto prepara l’organismo a ricevere nella fase successiva una dieta ipocalorica contenente carboidrati (dieta dissociata integrata).

Continua a leggere
webmasterDieta Semiproteica